immagine lusso

Il sito attento alla natura

"Quando l'ultima fiamma sarà spenta, l'ultimo fiume avvelenato, l'ultimo pesce catturato, allora capirete che non si può mangiare denaro." Toro Seduto

Registrati o effettua il log-in

Spagna

Energie rinnovabili: il futuro è trasparente

August 4th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

“Il futuro non è verde, è trasparente!”
E’ il motto della nuova invenzione che sta per rivoluzionare il mondo delle energie rinnovabili.

André Broessel, un eclettico architetto tedesco, è riuscito a mettere a punto dopo anni di esperimenti Rawlemon, una sfera che immagazzina energia solare, in un certo senso la nuova frontiera del fotovoltaico, capace di caricarsi di energia anche quando il sole si sposta.
Una lente sferica infatti riesce ad “inseguire” i movimenti del sole riuscendo a caricarsi di energia durante tutto l’arco della giornata, a differenza dei normali dispositivi fotovoltaici che riescono ad utilizzare solamente l’1% della loro superficie.

In più la sfera di vetro riesce a caricarsi anche con la luce della luna, il che rende le sue capacità di raccolta più potenti del 35% rispetto al fotovoltaico tradizionale. André Broessel già nel 2013 era stato tra i finalisti del premio World Technology Network, ma ha ritenuto di dover ... vai al blog

tags , , , ,

Solare fotovoltaico: tecnologia a rapida crescita ma con ancora troppo pochi beneficiari.

September 28th, 2010 by Elisa in Energie rinnovabili

Secondo l‘Earth Policy Institute, nel 2009 è stato prodotto un totale di 10.700 Megawatt di celle fotovoltaiche, ben il 51% in più rispetto all’anno precedente.

Il solare fotovoltaico è decisamente la tecnologia a più rapida crescita al mondo. Alla fine del 2009, erano quasi 23.000 i Megawatt di fotovoltaico installati in tutto il globo: tanto da poter dare energia a quasi 5 milioni di abitazioni in oltre 100 Paesi.

La tecnologia più diffusa è quella delle celle in silicio cristallino mentre in rapida crescita è quella del modulo a film sottile, promossa soprattutto dall’azienda First Solar che ha la propria sede in Arizona.

I primi 5 produttori di celle fotovoltaiche del globo sono in ordine: Cina, Giappone, Taiwan, Germania e Stati Uniti.

Insieme Cina e Taiwan rappresentano il 49% di tutte le attività manifatturiere del settore fotovoltaico, una quota che  crescerà nei prossimi anni visti i costi di produzione … continua

tags , , , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Spagna: primo produttore mondiale di energia termoelettrica solare con “La Florida”.

September 3rd, 2010 by Elisa in Clima, Energie rinnovabili, Sviluppo sostenibile

Il mondo avanza verso un’altra forma di produzione di energia più pulita e sostenibile. La Spagna, all’avanguardia di questo cambiamento, anticipa il futuro essendo un leader mondiale nelle energie rinnovabili: prima fra tutte eolica, seguita da energia idroelettrica e solare.

Non stupisce quindi la notizia che la patria del celebre Don Quijote sia diventata quest’estate il primo produttore mondiale di energia termoelettrica solare, con una potenza installata di 432 MW, superando così gli Stati Uniti che dominavano il settore con 422 MW termosolari situati sul proprio territorio.

Ciò è potuto accadere grazie all’attivazione, nel comune di Alvarado (Badajoz), dell’impianto solare termodinamico di 50 MW La Florida, nato da un progetto della compagnia Acciona e dall’iniziativa dell’azienda di Saragozza Renovables Samca.

Questo impianto, la cui costruzione è iniziata nel febbraio 2008 ed ha coperto circa 130 Ha di terreno, produrrà ogni anno più di 102 milioni di KW/h, equivalenti al consumo elettrico di 28.000 abitazioni.

Ha comportato un investimento di 236 milioni di euro ed eviterà annualmente l’emissione di 98.000 tonnellate di CO2  prodotte altrimenti in centrali termiche di carbone, … continua

tags , , , , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Il cammino verso un’Europa “rinnovabile”.

July 12th, 2010 by Diego in Energie rinnovabili

La frontiera dell’energia rinnovabile sta aumentando sempre di più i propri confini. I passi da fare sono ancora molti, e le vicende politiche di alcuni paesi europei frenano l’avanzata di una corrente di miglioramento energetico, ma l’Europa, tutta quanta, è in cammino.

Gli obiettivi dell’Unione Europea si stanno concretizzando, sopra ogni aspettativa. Il sogno di un’Europa rinnovabile non è poi così lontano.

Gli impianti di energia rinnovabile si sviluppano in continuazione e aumentano il proprio numero vertiginosamente. E’ vero che ci sono Paesi in stadi più avanzati di installazione, tuttavia il percorso da fare è comune e laddove c’è una carenza in un Paese, questa viene compensata dalle risorse di un altro.

L’Europa deve essere così, unita sul fronte unico dell’energia, e sperare in futuro di attingere energia esclusivamente dal suo straordinario ambiente naturale.

L’8 novembre scorso, una forte bufera di vento ha colpito la Spagna, senza alcun danno, anzi: più della metà dell’elettricità spagnola è stata prodotta dall’energia eolica. Eppure … continua

tags , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Torri solari: impianti ancora poco testati.

May 31st, 2010 by Diego in Energie rinnovabili, Sviluppo sostenibile

Tra le tecnologie più promettenti e capaci di dimostrare grandi potenzialità abbiamo senz’altro le torri solari, di cui in Italia non esistono ancora veri prototipi, almeno nel settore commerciale (mentre ad esempio in Spagna è in costruzione un impianto da 50MW).

Torre-solareEssenzialmente, l’impianto a torri solari serve a produrre energia elettrica a partire dal calore del sole che viene concentrato su specchi disposti su un’ampia superficie (stiamo parlando di impianti di grosse dimensioni), concentrati in un unico punto, ossia in cima ad una torre di altezza che può arrivare fino a centinaia di metri.

Per convogliare la radiazione solare sulla torre si usano degli specchi “eliostati”, mentre per convertire questo calore ad alta temperatura viene usato un normale ciclo termodinamico a vapore, come in una qualsiasi centrale termoelettrica.

Questi specchi sono poggiati a terra, a formare una specie di ventaglio: ognuno degli specchi si muove autonomamente, ed è in grado di avere una rotazione su due assi.

Per avere un impianto che raggiunga i 50MW occorrono almeno 200-300 ettari di superficie, e su questa superficie si avrebbe così un controllo ottimo di ciascuno degli specchi, in modo da assicurargli estrema precisione, anche in condizione di vento e variazione di temperatura.

Il ricevitore posto sulla torre è un oggetto di dimensioni relativamente piccole, quasi trasportabile su un camion, e il flusso termico sul ricevitore è molto intenso. Però, è necessario che non ci siano punti troppo caldi nel ricevitore perché si correrebbe il rischio, vista la presenza di un’apposita caldaia a fiamma, di bruciare dei tubi del ricevitore. Quindi la soluzione migliore è la programmabilità della sua efficienza.

C’è bisogno di una radiazione costante, anche intensa, per avere un ciclo termodinamico ottimale, ma in presenza di nuvole e altri fattori, si possono avere problemi di costi e di efficienza.

La ricerca verso la tecnologia migliore per questi impianti è sempre in atto, visto che le sperimentazioni sono molteplici (seppure non in Italia).

tags , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Sostenibilità: da Spagna e Svezia ok al metano per le ambulanze.

October 21st, 2009 by Diego in Clima, Sviluppo sostenibile

Il metano è un ottimo carburante per i motori ad accensione comandata, che consente di raggiungere ottime prestazioni, bassi consumi, ridottissime emissioni ed assenza quasi completa di residui carboniosi all’interno del motore ancorché ridotta rumorosità complessiva del motore. Per la sua struttura molecolare, il metano permette di aumentare il rendimento energetico con una notevole riduzione dei consumi.

L’alimentazione a metano consente notevoli economie ed allo stesso tempo garantisce emissioni di sostanze inquinanti più basse fra quelle dei carburanti attualmente disponibili.

Ora, la Spagna e la Svezia danno l’ok ad alimentare le ambulanze con il metano. Dieci nuove vetture per il soccorso sanitario alimentate con il carburante verde sono infatti da poco entrate in servizio a Saragozza.

Ma la Spagna non è l’unica nazione in cui questo carburante è stato ritenuto adatto anche per le ambulanze. Da pochi mesi, infatti, anche in Svezia, e precisamente a Stoccolma, è in servizio un’ambulanza alimentata a metano con risparmi di oltre duemila euro l’anno a vettura sul … continua

tags , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento
logo ok prezzi Vuoi ricevere ogni giorno le notizie sull'ambiente di Ok-Ambiente.com?
Iscriviti al nuovo servizio di NewsLetter!

http://www.wikio.it
logo ok prezzi

Cerca su Okprezzi.it

il sito di comparazione prezzi
La tua pubblicità su Ok-Ambiente.com!

Credits

Powered by
+++Nafta-Net+++

Sponsored by
OkPrezzi.it and BlogoBurn.com

Designed by
m-mstudio.com