immagine lusso

Il sito attento alla natura

"Lega un albero di fico nel modo in cui dovrebbe crescere, e quando sarai vecchio potrai sederti alla sua ombra." Charles Dickens

Registrati o effettua il log-in

rinnovabili

IL FUTURO PROSSIMO DELL’AFRICA PASSA DALLA GREEN ENERGY

October 22nd, 2015 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Dal cinque al ventidue per cento in quindici anni: è questa la previsione di crescita delle energie rinnovabili del continente africano secondo Irena, l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili (The International Renewable Energy Agency). Nella Roadmap for a Renewable Energy Future ha infatti riferito che, entro il 2030, l’Africa potrebbe essere in grado di sopperire ad un quarto del proprio fabbisogno energetico grazie all’utilizzo delle green energy.

 

L’aumento di capacità delle energie rinnovabili, evidenzia la Roadmap di Irena, potrebbe aumentare la quota delle moderne tecnologie, portando l’utilizzo delle rinnovabili nel settore energetico al 50% entro il 2030, e riducendo anche le emissioni di anidride carbonica di oltre 310 megatonnellate. Grazie ai prezzi bassi dell’energia elettrica ricavata dall’energia solare e da quella eolica, sviluppare tali progetti è diventato infatti più conveniente che mai.

 

Il rapporto raccomanda, poi, 14 azioni volte ad accelerare lo sviluppo e l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili nel continente ... vai al blog

tags , , , , , , , ,

Fotovoltaico: aumentano gli impianti ad uso residenziale, più caute le industrie

September 17th, 2015 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

L’energia derivante dal fotovoltaico in Italia è ormai una solida realtà. Alla fine dello scorso anno, infatti, questa fonte rinnovabile ha superato i 680mila impianti installati, per una potenza complessiva di oltre 18mila MW. Un ottimo risultato stimato intorno al 15% del totale installato nel mondo, che ci vede terzi dietro solo a Germania e Cina e prima di colossi quali Usa e Giappone.

La spinta degli impianti fotovoltaici residenziali

Un’ottima spinta è stata data dall’installazione di impianti fotovoltaici di piccole taglie per uso residenziale. Tra i cittadini pare ci sia una crescente attenzione verso questa fonte rinnovabile. La massima potenza installata nel 2014, infatti, pari a 123,6 MWp (megawatt di picco, potenza nominale di un impianto fotovoltaico) si è registrata proprio nel comparto delle abitazioni, in particolare nella fascia compresa tra 3 e 6 kW. La seconda classe di potenza è stata invece quella compresa tra i 20 e i 200 ... vai al blog

tags , , , ,

A SCUOLA DI ENERGIE RINNOVABILI: IL PRIMO CORSO UNIVERSITARIO IN FRIULI VENEZIA GIULIA

September 10th, 2015 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Apre a Udine la prima Scuola di Introduzione alle Energie Rinnovabili italiana: 35 posti per 4 giorni di formazione e contatto con le aziende.

Le politiche energetiche, l’energia sicura e le rinnovabili, il ruolo della comunità internazionale nello sviluppo sostenibile, la politica energetica dell’Unione europea, una panoramica della gamma di tecnologie commercialmente valide, l’integrazione nella rete delle fonti di energia rinnovabile, i network di elettricità, ovvero quale impatto hanno le fonti rinnovabili di produzione di energia elettrica sulle reti elettriche. È questo il programma della SIER (http://scuola-rinnovabili.uniud.it/), la prima (e unica, per il momento) Scuola di Introduzione alle Energie Rinnovabili organizzata dalle Università di Udine e Trieste con il sostegno di Sissa, IOM-CNR (Istituto Officina dei Materiali del Centro Nazionale di Ricerca) e ICTP (International Centre for Theoretical Physics, Trieste). Il 21 agosto si sono chiuse le iscrizioni al primo corso, in programma dal 14 al 18 settembre a Udine a ... vai al blog

tags , , , , , , , ,

Energie rinnovabili: ecco un buon esempio

August 27th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

La Apple sa primeggiare proprio in tutto, anche nel campo dell’energia verde.
Ogni anno l’EPA, United States Environment Protection Agent, assegna un premio nel campo delle energie rinnovabili, la “Green Power Leadership” e quest’anno il vincitore è stata proprio la Apple, in particolare per la politica sostenibile che sta portando avanti nel centro dati che ha la sua sede nel North Carolina.

La nota azienda americana è diventata in questo modo Green Powerpartner, grazie all’utilizzo di energia verde che nel 2013 è stato di 537di kWh (chilowattora), oltre 285 milioni di kWh in più rispetto al 2012.
Secondo l’EPA la strategia energetica di Apple nei centri dati, negli uffici e nei negozi di tutto il mondo è “net-zero” (utilizza fonti di energia rinnovabile e non produce emissioni di biossido di carbonio) e ha raggiunto l’85% di energia verde in tutti gli Stati Uniti.

I complimenti arrivano anche da parte di Greenpeace: “Il ... vai al blog

tags , , , ,

Energie rinnovabili: il futuro è trasparente

August 4th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

“Il futuro non è verde, è trasparente!”
E’ il motto della nuova invenzione che sta per rivoluzionare il mondo delle energie rinnovabili.

André Broessel, un eclettico architetto tedesco, è riuscito a mettere a punto dopo anni di esperimenti Rawlemon, una sfera che immagazzina energia solare, in un certo senso la nuova frontiera del fotovoltaico, capace di caricarsi di energia anche quando il sole si sposta.
Una lente sferica infatti riesce ad “inseguire” i movimenti del sole riuscendo a caricarsi di energia durante tutto l’arco della giornata, a differenza dei normali dispositivi fotovoltaici che riescono ad utilizzare solamente l’1% della loro superficie.

In più la sfera di vetro riesce a caricarsi anche con la luce della luna, il che rende le sue capacità di raccolta più potenti del 35% rispetto al fotovoltaico tradizionale. André Broessel già nel 2013 era stato tra i finalisti del premio World Technology Network, ma ha ritenuto di dover ... vai al blog

Biogas: i batteri possono trasformare il cibo in energia rinnovabile

April 30th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Imitiamo i processi della natura anche grazie alla tecnologia: quella del biogas ripropone semplicemente il meccanismo dello stomaco di una mucca con dei digestori anaerobici, ovvero dei serbatoi sigillati pieni di batteri.

Una volta inseriti i rifiuti alimentari nel serbatoio, i batteri lavorano sugli scarti alimentari e producono biogas, che può essere trasformato in una forma rinnovabile di gas naturale (per produrre concimi e fertilizzanti) dopo aver subito un processo di combustione.

Un macchinario simile sarebbe oro colato per l’America, che nell’ambito del riciclo non è ancora troppo attiva, e che con metà dei rifiuti riciclati potrebbe produrre energia a sufficienza per soddisfare la richiesta di 2.5 milioni di case in un anno.

Il problema è quello di sensibilizzare la popolazione, poiché il popolo americano non è incline a riciclare rifiuti organici. “Negli anni ‘80 e ’90, gli americani hanno cominciato ad impegnarsi con il riciclo” dice Eric Goldstein del Natural Resources Defense ... vai al blog

Impianto fotovoltaico: come si riciclano i pannelli?

April 23rd, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Ad oggi con un modulo fotovoltaico si è in grado di riciclare circa l’80% dell’energia incamerata.
Ma quando un pannello smette di essere utilizzato va a finire nell’enorme massa di rifiuti non riciclabili, perché allora non riciclare anche quello?

Un modulo fotovoltaico è un dispositivo composto da pannelli divisi in celle rivestite di silicio, che serve a proteggere i pannelli dagli agenti atmosferici. Le celle in silicio sono poste tra due lastre di vetro e una pellicola realizzata in materiali polimerici.

Tutti questi materiali potrebbero essere riciclati ma fino a non molto tempo fa al termine del loro percorso diventavano rifiuti; ora anche l’industria del riciclo di moduli fotovoltaici si è messa in moto, sebbene sia ancora all’inizio.

PV Cycle è un programmache sta creando un vero e proprio consorzio al quale aderiscono tutti coloro che sono interessati al riciclo di moduli fotovoltaici. Gli aderenti al programma consegnano i loro pannelli solari, ... vai al blog

Energie rinnovabili: pubblicate le nuove linee guida nazionali.

September 28th, 2010 by Elisa in Aree naturali protette, Energie rinnovabili, Sviluppo sostenibile

Lo scorso 18 settembre 2010 sulla Gazzetta Ufficiale sono state pubblicate le linee guida nazionali in materia di autorizzazione di impianti da fonti rinnovabili, tra cui impianti eolici e fotovoltaici.

Previste dal Decreto legislativo 387 del 2003 e approvate più di due mesi fa dalla Conferenza Unificata insieme con il Conto Energia 2011-2013, le linee guida erano molto attese perché costituiscono una disciplina unica, valida su tutto il territorio nazionale, che consentirà finalmente di superare la frammentazione normativa del settore delle fonti rinnovabili.

Da adesso le regioni avranno 90 giorni di tempo per mettere a punto le proprie norme.

La costruzione, l’esercizio e la modifica degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili richiederà d’ora in poi un’autorizzazione unica rilasciata dalla Regione o dalla Provincia delegata, che dovrà essere conforme alle normative in materia di tutela dell’ambiente, del paesaggio e del patrimonio storico artistico, e costituirà, ove occorra, variante allo strumento urbanistico.

Solo gli impianti più piccoli (ad esempio impianti fotovoltaici fino a 20 kW; impianti a biomassa fino a 1000 kWe; impianti eolici fino a 60 kW; impianti idroelettrici fino a 100 kW) saranno realizzabili con una procedura semplificata, consistente in una DIA (Dichiarazione Inizio Attività).

Un punto negativo, tuttavia, secondo la LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) è dato dalla mancanza di misure obbligatorie e inderogabili almeno per quanto riguarda i siti di maggiore interesse naturalistico. Altro aspetto preoccupante  è il fatto di non aver inserito limiti alla potenza degli impianti.

Salutiamo con favore l’emanazione delle Linee guida nazionali - dichiara la LIPU – che speriamo possano garantire maggiori tutele per l’ambiente e la biodiversità. Ora però le regioni procedano con urgenza emanando le norme attuative: una valanga di progetti potrebbero essere presentati intenzionalmente prima dell’emanazione di tali regole (al fine di evitarne l’applicazione), il che potrebbe significare il colpo di grazia ad aree di estremo valore naturalistico ma anche storico e paesaggistico“.

In questi anni, spiega la LIPU, si è assistito a un proliferare indiscriminato di centrali eoliche industriali che ha gravemente compromesso le aree più sensibili del Paese da un punto di vista paesaggistico e faunistico, portando tra l’altro in alcuni casi a vere e proprie situazioni di malaffare. Questo anche perché gli altissimi incentivi finanziari sono del tutto indipendenti da criteri qualitativi legati al rispetto dell’ambiente da parte degli impianti.

La stessa dinamica che si è avuta con l’eolico si sta replicando oggi con il fotovoltaico, con distese di pannelli che stanno consumando centinaia e centinaia di ettari agricoli.

Oltre alle nuove disposizioni – sottolinea la LIPU – le Regioni devono comunque applicare la misura del divieto di eolico nelle ZPS (Zone protezione speciale) contenuta nel decreto “Rete Natura” emanato nel 2007 dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare.

Igro-elettricità contenuta nell’aria: può convertirsi in una nuova fonte di energia rinnovabile?

September 14th, 2010 by Elisa in Curiosità, Energie rinnovabili, Novità, Sviluppo sostenibile

Nell’incontro annuale della American Chemical Society, celebrato a Boston a fine agosto, degli scienziati brasiliani hanno mostrato una ricerca preliminare che potrebbe permettere di sfruttare l’energia che genera i fulmini e convertirla in una fonte di energia pulita.

Quando un fulmine parte da una nube temporalesca e si scarica a terra, trasporta milioni di volt di elettricità, più di quanta potrebbero produrre in quel breve istante tutte le centrali elettriche degli Stati Uniti messe insieme.

La corrente elettrica generata da un fulmine è quindi enorme, con valori che vanno da 10.000 a 200.000 A: basta considerare che un comune pc portatile ha bisogno di circa 5 A per capire il valore che potrebbe assumere l’invenzione che vi descriveremo.

Il lavoro fatto dall’equipe di Fernando Galembeck (Universidad Estatal de Campinas) si basa su un concetto energetico innovativo: la igroelettricità, una speciale elettricità statica che si immagazzinerebbe nelle gocce d’acqua che costituiscono il vapore acqueo atmosferico.

Questa carica elettrica potrebbe essere trasferita dalle gocce a piccole particelle di polvere, perciò causerebbe, in certe condizioni atmosferiche come ad esempio i … continua

Panpiatto, il nuovo piatto… commestibile!

August 22nd, 2010 by Sara in Curiosità, Ecologia dell'ambiente, Salute e benessere, Sviluppo sostenibile

La nuova rivoluzionaria invenzione consiste in un piatto ecologico tutto commestibile, da gustare insieme al suo contenuto.

E’ stato brevettato da Giovanni ed Elena Canale il nuovo piatto assolutamente eco-compatibile: si chiama Panpiatto, ed è un piatto commestibile, alternativo ai piatti usa e getta, con tutti i vantaggi, non solo organolettici, che ne derivano.

Si tratta di piatti, zuppiere e scodelle commestibili, ricavati dalla cottura al forno di una miscela di farine (preferibilmente di cereali), e acqua e sostanze naturali (principalmente Aloe vera).

Per rendere il contenitore impermeabile e per conferirgli una totale stabilità organolettica, sono state sfruttate le proprietà del gel di Aloe, pianta benefica compresa negli Elisir di lunga Vita e nota anche per le sue proprietà anti-tumorali, e di altre sostanze naturali opportunamente miscelate in un composto che viene poi successivamente steso fra alcuni dei vari strati.

Il contenitore, così realizzato, può essere cotto, precotto, ed eventualmente … continua

logo ok prezzi Vuoi ricevere ogni giorno le notizie sull'ambiente di Ok-Ambiente.com?
Iscriviti al nuovo servizio di NewsLetter!

http://www.wikio.it
logo ok prezzi

Cerca su Okprezzi.it

il sito di comparazione prezzi
La tua pubblicità su Ok-Ambiente.com!

Credits

Powered by
+++Nafta-Net+++

Sponsored by
OkPrezzi.it and BlogoBurn.com

Designed by
m-mstudio.com