immagine lusso

Il sito attento alla natura

"Abbiamo la Terra non in eredità dai genitori, ma in affitto dai figli." Proverbio Indiano

Registrati o effettua il log-in

Europa

Fotovoltaico: a Londra il ponte solare più grande del mondo

September 1st, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

L’Europa è sempre all’avanguardia rispetto agli altri continenti quando si parla di energie rinnovabili e sostenibilità.

Lo dimostra l’ultima eccezionale opera costruita a Londra: un ponte fotovoltaico di seimila metri quadri che ricopre la stazione di Blackfriars. Si tratta del ponte fotovoltaico più grande del mondo ed è un edificio sorprendente con i suoi 4.400 pannelli solari, posti come copertura del tetto dell’intera stazione.

E anche i risultati nella distribuzione di energia non sono da meno: i pannelli riescono a trasformare 900.000 kW di energia all’anno riuscendo a ricoprire metà del fabbisogno energetico della stazione, ma soprattutto migliorando la situazione ambientale. Un simile impianto infatti ha un impatto positivo anche sulle emissioni di Co2 riducendole di circa 511 tonnellate ogni anno.

L’amministratore delegato di Solarcentury, Frans van den Heuvel, ha dichiarato: ‘Il nostro lavoro su Blackfriars mostra i due benefici chiave del solare: primo, può essere integrato nell’architettura esistente modificando in modo sbalorditivo ... vai al blog

tags , ,

Ue: previsioni sulla produzione energetica

August 13th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

La Commissione Europea ha elaborato lo “EU Energy, Transport and GHG Emissions Trends to 2050” un documento che fa delle previsioni su quello che sarà lo scenario della produzione energetica e delle emissioni di Co2 in Europa nei prossimi decenni.

Il risultato del loro studio evidenzia come l’eolico nei prossimi anni diventerà la principale fonte di energia in Europa, arrivando ad essere in grado di soddisfare il 38% del fabbisogno energetico del nostro continente.

Sebbene riguardo le energie rinnovabili l’Europa sia all’avanguardia anche rispetto al resto del mondo, con le dovute eccezioni di alcune nazioni, come ad esempio l’Italia, che sono ancora indietro rispetto agli standard europei, per quanto riguarda invece le emissioni di carbonio pare che gli obiettivi siano troppo al di sopra delle loro aspettative, o quantomeno delle nostre speranze.

Se nei prossimi anni le emissioni di Co2 dovranno calare del 40% rispettoad oggi, e addirittura dell’85% rispetto agli anni 90 ... vai al blog

Eolico: tutte le novità dall’Europa alla Cina

August 11th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

L’eolico negli ultimi tempi si sta confermando come una delle più efficienti ed utilizzate fonti di energia rinnovabile. La Spagna ad esempio, da quanto risulta dalle ultime analisi, ricava quasi la metà della propria energia proprio dal vento, e la Germania sta cercando di sopperire alle mancanze dell’energia nucleare proprio con nuovi impianti di energia eolica.

Persino in Cina, che come sappiamo non è certo all’avanguardia dal punto di vista della sostenibilità, è stato costruito un impianto eolico dal nome Longyuan Power, o meglio un vero e proprio parco eolico, che al momento è il più alto del mondo  con i suoi 4.700 metri di altezza degli impianti. Il parco è già in uso da circa un mese e si trova nella Regione autonoma del Tibet all’interno della prefettura di Nagchu. Per ora sono in funzione solo cinque turbine che hanno però un’ottima capacità, 7,5 Megawatt. Quando l’impianto sarà completato ed ... vai al blog

Greeneconomy: le nostre performance in ambito energetico

July 25th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Il Global Architecture Performance Index è uno strumento ideato dal World Economic Forum che permette di valutare le performance di ciascun Paese in ambito energetico per poi tradurle in cifre che mettano in evidenza la convenienza (crescita economica ed efficienza), la sostenibilità (ad esempio il controllo delle emissioni di Co2) e la sicurezza (diversificazione delle fonti energetiche e dell’autosufficienza) dell’energia prodotta per i cittadini.

Accenture ha in questi giorni pubblicato l’Edizione 2014 che analizza le strategie energetiche dei governi. In base ai risultati del loro studio è stata stilata una classifica che vede nella top ten degli Stati più sostenibili la Norvegia come regina indiscussa dell’ecologia, seguita da Nuova Zelanda, Francia, Svezia, Svizzera, Danimarca, Colombia, Spagna, Costarica e Lettonia.

Analizzando la classifica è evidente una tendenza degli Stati europei, che occupano addirittura 15 posizioni nella top 20, ad essere più attenti all’ambiente, mentre le ultime posizioni della classifica sono occupate principalmente da ... vai al blog

Perché la strategia Ue non piace agli ambientalisti

June 20th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Abbiamo già parlato della nuova strategia europea sulle emissioni di carbonio e di come quella strategia non piacesse prima di tutto a Confindustria. Ora vi spieghiamo perché non piace invece alle associazioni ambientaliste.

Il pacchetto, che prevede un taglio del 40% delle emissioni di Co2 e il raggiungimento di una soglia del 27% nell’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili (percentuali che vanno raggiunte entro il 2030 su scala europea e non nei singoli Stati), secondo gli ambientalisti è un obiettivo troppo basso; si dovrebbe quindi puntare di più sulle energie rinnovabili e abbassare anche la percentuale delle emissioni di Co2 consentita.

Le critiche arrivano prima di tutto da Legambiente, il presidente Vittorio Cogliati Dezza ha affermato: “Per contenere il surriscaldamento sotto i 2°C ed evitare la catastrofe climatica, l’Unione europea deve impegnarsi a ridurre almeno del 55% le emissioni interne entro il 2030 e contemporaneamente impegnarsi a raggiungere il 45% di energia rinnovabile ... vai al blog

Ue per l’ambiente: stop alle emissioni di CO2 entro il 2030

June 16th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

La Commissione Ue ha dato il via al progetto “Clima-energia“: prevede che entro il 2030 le emissioni di Co2 siano ridotte del 40% rispetto agli ultimi livelli stabiliti nel 1990.

Un obiettivo ambizioso di riduzione di almeno il 40% delle emissioni domestiche di gas serra risulterà centrale per sbloccare decine di miliardi di investimenti a bassa emissione di carbonio di cui abbiamo urgente bisogno“, hanno scritto i ministri di Italia, Francia, Germania e Regno Unito in una lettera inviata al Commissario per il clima Connie Hedegaard lo scorso mese.

Intanto il progetto è andato avanti e la Commissione si è riunita per stabilire tutti gli obiettivi del pacchetto Clima Energia 2030. La diminuzione delle emissioni di CO2 dunque non è l’unico obiettivo: il livello di utilizzo delle energie rinnovabili deve salire al 27% entro lo stesso anno. Il prossimo passo quindi è quello di discuterne nei prossimi mesi anche in Parlamento e ... vai al blog

Rispetto per l’ambiente: l’Ue e la sostenibilità

June 4th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Il rispetto per l’ambiente non finisce mai, soprattutto quando la parola sostenibilità vuol dire anche risparmio economico.

Abbiamo visto tante volte che attuare una politica sostenibile, sia per una singola persona che per un intero pianeta, significa sempre guadagnarci anche dal punto di vista finanziario.

L’Unione europea sembra averlo capito già da un tempo e ha indetto ancora un altro progetto che riguarda le energie rinnovabili, stavolta coinvolgendo esperti ricercatori.

Per i prossimi tre anni la ricerca si dovrà applicare nel veder collaborare i tre settori dell’idrocultura, dell’agricoltura e del biogas con lo scopo di sviluppare nuove proposte di energie rinnovabili. Il team di ricercatori è stato già stabilito, il suo nome è BiFFiO e studierà nuovi modi per produrre energie rinnovabili dagli scarti ed esaminare le materie che possono essere recuperate, per aumentare l’industria della sostenibilità attraverso la lavorazione dei sottoprodotti.

L’obiettivo è adiempiere al 20% della richiesta energetica europea entro il 2020. ... vai al blog

Biodiversità e aree protette: il WWF in Europa

April 14th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Janez Potocnik è intervenuto, in quanto Commissario europeo per l’ambiente, in occasione della seconda Dinaric Arc Parks Conference, un progetto nato con la partnership del WWF che serve a individuare delle aree protette che connettano tutti i parchi naturali nella zona della Ex Jugoslavia.

Non ho bisogno di dire a voi quali siano i vantaggi nel proteggere la natura: economici, sociali, culturali e personali. Ma cosa pensano le persone, i cittadini che non sono né scienziati né ambientalisti?

Secondo i sondaggi da lui riportati infatti, il popolo europeo risponde benissimo alla politica sostenibile e ritiene indispensabile la biodiversità, in più in Europa un quinto del territorio è protetto nell’ambito della rete Natura 2000 (una rete di 26.000 siti a elevata biodiversità).

Natura 2000 può quindi essere ritenuta una grande risorsa, per il suo impegno nel proteggere specie in via d’estinzione, nel creare posti di lavoro, ma anche in campo produttivo, con le visite ... vai al blog

Europa, un passaporto per i prodotti riciclabili

January 22nd, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

L’ex primo ministro irlandese John Burton, accompagnato da una schiera di esperti provenienti da tutta Europa, ha lanciato un progetto per il riciclo dei rifiuti con l’intenzione di renderlo più veloce e pratico.

Aggiungendo al prodotto riciclabile un certificato di provenienza, i tempi burocratici per il riciclo di prodotti di manifattura europea dovrebbero essere più brevi. Solitamente, infatti, le regole di smaltimento dei rifiuti sono alquanto rigide ed un semplice certificato di origine non solo agevolerebbe il passaggio del rifuto agli stabilimenti per il riciclo, ma aiuterebbe anche le aziende produttrici a contenere gli sprechi.

I sostenitori del progetto, un gruppo che si è venuto a creare all’interno della “Piattaforma europea per l’efficienza delle risorse”, ha già proposto alcune misure che possono portare ad una riduzione del 24% del fabbisogno di materie prime, facendo salire l’Europa ai vertici nell’ambito delle politiche economiche per l’innovazione. Gli stessi, inoltre, hanno proposto di porre fine ... vai al blog

HiTech Ambiente 2013: UE adotta strategia sulle materie prime

December 4th, 2013 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

Riciclare, adoperarsi per l’ambiente, rispettarlo non è solamente un dovere di ogni cittadino ma può diventare proficuo anche dal punto di vista economico per ogni Paese. Lo hanno capito a Milano, dove (il 24 ottobre scorso) si è svolto l’evento Hi Tech Ambiente promosso dal Consorzio ReMedia (Sistema Collettivo italiano no-profit per la gestione eco-sostenibile dei RAEE, Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) in collaborazione con la Fondazione italiana per lo Sviluppo Sostenibile.

La prima parte del convegno si è concentrata proprio sull’importanza del riciclo all’interno dell’Unione europea (“Il riciclo come pilastro fondamentale della strategia europea sulle materie prime”) in particolare come metodo e, appunto, strategia di accesso alla materie prime. In effetti l’Europa avrebbe bisogno di un cambiamento in quello che riguarda l’uso e il recupero delle risorse non solo per costruire un’economia sostenibile ma anche per aumentarne la competitività.

Si calcola infatti che l’Unione europea in questo modo potrebbe ridurre ... vai al blog

logo ok prezzi Vuoi ricevere ogni giorno le notizie sull'ambiente di Ok-Ambiente.com?
Iscriviti al nuovo servizio di NewsLetter!

http://www.wikio.it
logo ok prezzi

Cerca su Okprezzi.it

il sito di comparazione prezzi
La tua pubblicità su Ok-Ambiente.com!

Credits

Powered by
+++Nafta-Net+++

Sponsored by
OkPrezzi.it and BlogoBurn.com

Designed by
m-mstudio.com