immagine lusso

Il sito attento alla natura

"Quando l'ultima fiamma sarà spenta, l'ultimo fiume avvelenato, l'ultimo pesce catturato, allora capirete che non si può mangiare denaro." Toro Seduto

Registrati o effettua il log-in

Cina

Eolico: tutte le novità dall’Europa alla Cina

August 11th, 2014 by Il Blog di Manni Energy in Energie rinnovabili

L’eolico negli ultimi tempi si sta confermando come una delle più efficienti ed utilizzate fonti di energia rinnovabile. La Spagna ad esempio, da quanto risulta dalle ultime analisi, ricava quasi la metà della propria energia proprio dal vento, e la Germania sta cercando di sopperire alle mancanze dell’energia nucleare proprio con nuovi impianti di energia eolica.

Persino in Cina, che come sappiamo non è certo all’avanguardia dal punto di vista della sostenibilità, è stato costruito un impianto eolico dal nome Longyuan Power, o meglio un vero e proprio parco eolico, che al momento è il più alto del mondo  con i suoi 4.700 metri di altezza degli impianti. Il parco è già in uso da circa un mese e si trova nella Regione autonoma del Tibet all’interno della prefettura di Nagchu. Per ora sono in funzione solo cinque turbine che hanno però un’ottima capacità, 7,5 Megawatt. Quando l’impianto sarà completato ed ... vai al blog

tags , , , ,

A Kunming, in Cina, si valorizza il solare.

October 15th, 2010 by Niccolò in Energie rinnovabili

Dopo il successo del primo evento di Noppen sull’energia solare, tenutasi nella Mongolia Interna, il “Secondo Congresso annuale cinese su tecnologie e investimenti in campo solare” si è svolto il 16 e il 17 settembre 2010 a Kunming, Cina.

Grazie alle massicce incentivazioni locali e alla presenza di prezzi accessibili, la Cina ha dunque iniziato il percorso verso la valorizzazione del solare attraverso “prodotti finiti”, con la loro installazione in primis a livello locale.

Nel rapido sviluppo dell’economia globale, la sostenibilità energetica è diventata sempre più importante come fonte di energia pulita, sicura ed economica, e l’energia solare sta attirando sempre maggiore attenzione da parte della comunità internazionale.

Kunming (che ha una popolazione di poco meno di 2 milioni di persone ed è capoluogo della provincia dello Yunnan) presenta delle massicce risorse solari, e negli ultimi anni … continua

tags , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Gli oli essenziali dagli antichi egizi alla moderna aromaterapia.

October 15th, 2010 by Elisa in Curiosità, Salute e benessere

Arancio, bergamotto, cannella… eucalipto, frangipani, gelsomino… lavanda, sandalo, patchouli.… Gli oli essenziali (OE) sono utilizzati da millenni nella medicina naturale per curare corpo e anima e per inebriare i sensi, ma cosa sono e qual è la loro storia?

Gli oli essenziali sono sostanze estremamente concentrate, dal profumo intenso, molto volatili ed infiammabili. Non sono veri oli ma liquidi dalla consistenza oleosa e dalla composizione complessa: costituenti tipici sono aldeidi, chetoni, esteri, fenoli, flavonoidi, terpeni, etc…

Le piante producono (e conservano in speciali cellule secretrici) oli essenziali per attirare gli insetti utili all’impollinazione, per respingere gli insetti dannosi e i parassiti oppure per difendersi da condizioni ambientali sfavorevoli e malattie.

L’uso degli oli vegetali non distillati per scopo cosmetico, culinario, medico e rituale ha origini antichissime. Le prime testimonianze scritte risalgono addirittura a 4000-5000 anni fa: i Rig-veda in India, il Libro di Medicina dell’Imperatore Giallo in Cina ed infine i … continua

tags , , , , , , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Solare fotovoltaico: tecnologia a rapida crescita ma con ancora troppo pochi beneficiari.

September 28th, 2010 by Elisa in Energie rinnovabili

Secondo l‘Earth Policy Institute, nel 2009 è stato prodotto un totale di 10.700 Megawatt di celle fotovoltaiche, ben il 51% in più rispetto all’anno precedente.

Il solare fotovoltaico è decisamente la tecnologia a più rapida crescita al mondo. Alla fine del 2009, erano quasi 23.000 i Megawatt di fotovoltaico installati in tutto il globo: tanto da poter dare energia a quasi 5 milioni di abitazioni in oltre 100 Paesi.

La tecnologia più diffusa è quella delle celle in silicio cristallino mentre in rapida crescita è quella del modulo a film sottile, promossa soprattutto dall’azienda First Solar che ha la propria sede in Arizona.

I primi 5 produttori di celle fotovoltaiche del globo sono in ordine: Cina, Giappone, Taiwan, Germania e Stati Uniti.

Insieme Cina e Taiwan rappresentano il 49% di tutte le attività manifatturiere del settore fotovoltaico, una quota che  crescerà nei prossimi anni visti i costi di produzione … continua

tags , , , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Thetis, tra i progetti ambientali sostenibili in Cina e l’aiuto al Mar Morto.

June 14th, 2010 by Diego in Acqua, Aria, Ecologia dell'ambiente, Sviluppo sostenibile

La società veneziana Thetis si conferma come una discreta forza a livello internazionale nello sviluppo di progetti ambientali e sostenibili. La mobilità sostenibile non è solo una mobilità che non inquina, bensì uno dei punti vitali del nuovo sistema economico.

Mar-RossoSi punta ad un minore consumo di energia, minore inquinamento atmosferico e acustico, minori emissioni di gas serra, ma anche diminuzione della congestione stradale e quindi rapidità degli spostamenti.

A Shangai, in occasione dell’Expo di maggio, Thetis ha studiato le strategie di trasporto pubblico presso i diversi grandi stand dei paesi, vista la marea di gente dall’estero che vi ha partecipato.

Si profila una forte cooperazione tra Cina ed Italia nel settore delle tecnologie ambientali, un fronte in cui la nazione cinese si sta impegnando per conseguire uno sviluppo socio-economico a basso impatto ambientale e nel contempo migliorare la qualità della vita dei propri cittadini.

Ma Thetis fa di più: si è anche aggiudicata l’appalto per lo studio ambientale … continua

tags , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Scoperto un modo per riciclare le cicche di sigaretta.

May 20th, 2010 by Elisa in Curiosità, Ecologia dell'ambiente

Dei ricercatori cinesi sostengono di aver scoperto un modo per riciclare i mozziconi di sigaretta utilizzandoli come anti-ruggine per un particolare tipo di acciaio spesso utilizzato nella fabbricazione delle trivelle di perforazione dei pozzi petroliferi.

ciccheIn questo modo le compagnie petrolifere risparmierebbero milioni di dollari e dall’ambiente verrebbe tolta un’importante fonte di inquinamento.

Come si evince da un recente studio dell’ENEA-AUSL di Bologna, accendere una sigaretta significa immettere nell’ambiente più di 4.000 sostanze chimiche ad azione irritante, nociva, tossica, mutagena e cancerogena.

Tra queste le più dannose sono senz’altro nicotina, benzene, gas tossici come ammoniaca e acido cianidrico, composti radioattivi come polonio-210, e acetato di cellulosa, ossia la materia plastica di cui è costituito il filtro.

Una parte di queste sostanze chimiche resta nel filtro e va a contaminare la porzione di sigaretta non fumata, la cicca, che secondo i ricercatori dell’ENEA dovrebbe essere trattata come un vero e proprio rifiuto tossico per l’ambiente.

Infatti, se il carico nocivo di ogni cicca è basso, il fattore che aggrava il problema è l’elevato numero di cicche prodotte in tutto il mondo (ad esempio solo in Italia sono … continua

tags , , , , , , , ,

Vedi i commenti (1 commento) - Scrivi un commento

COP15: la Prestigiacomo accusa. La Confeuro si allinea.

December 20th, 2009 by Diego in Clima, Energie rinnovabili, Sviluppo sostenibile

Copenhagen è stato un fallimento e la colpa è di Stati Uniti e Cina. Questa, in sintesi, l’opinione espressa da Stefania Prestigiacomo, ministro dell’Ambiente, rappresentante inviato dall’Italia alla Conferenza sul Clima.

“E’ stato un fallimento, un’esperienza fortemente deludente – ha detto Prestigiacomo in un’intervista sulla Stampa – Il mondo si attendeva una ricetta per affrontare l’emergenza climatica e si ritrova sostanzialmente niente”.

Mesi e mesi di trattative “sono stati vanificati dal G2, dall’accordo tra Usa e Cina i cui presidenti, a un certo punto, si sono visti cinque minuti in albergo e hanno mandato a monte tutto.

Hanno fatto saltare il banco”, rivela il ministro dell’Ambiente, precisando che questi due paesi “non accettano impegni vincolanti e verificabili.

Non vogliono, insomma, che ci siano accordi internazionali che impongano loro alcunché e non vogliono, soprattutto, che ci possano essere dei controlli su quello che stanno facendo in materia di riduzione effettiva delle emissioni … continua

tags , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

COP15: finalmente c’è l’accordo, tra soddisfazione e critiche.

December 19th, 2009 by Diego in Clima, Sviluppo sostenibile

L’accordo è arrivato in serata, in extremis, dopo una intensa giornata di colloqui, tra Usa, Cina, India e Sudafrica, ma quest’intesa sembra stia lasciando insoddisfatti molti Paesi.

Finalmente, il presidente Obama ha trovato un’intesa con il premier cinese Wen Jiabao, il premier indiano Sing e il leader sudafricano Zuma, sul limite di 2°C da porre all’innalzamento della temperatura, e su un meccanismo di finanziamento per la riduzione delle emissioni.

Lo stesso funzionario americano ammette che l’intesa non è sufficiente a combattere i mutamenti climatici, anche se si tratta di “un primo capitolo importante”: nessun Paese è completamente soddisfatto, ma questo è “uno storico passo” su cui costruire in seguito.

“Il tempo delle parole è scaduto. Non c’è tempo da perdere”, aveva detto in mattinata il leader della Casa Bianca. L’intesa arriva dopo un’intensa giornata di colloqui.

Dalla riunione è emersa una nuova bozza che utilizza l’espressione “accordo di Copenhagen” e prevede il taglio delle emissioni di gas serra del 50% entro il … continua

tags , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

COP15, Obama: ”Il tempo delle parole è scaduto. Bisogna agire”.

December 18th, 2009 by Diego in Clima, Sviluppo sostenibile

Così il Presidente americano, a Copenhagen, esprime scelte chiare per aiutare l’ambiente e il clima. Intanto il presidente francese Sarkozy “punta il dito” contro Cina e India. Ma il premier cinese Jiabao spiega le sue ragioni.

”La nostra capacità di adottare azioni collettive è in forse, mentre il mondo ci guarda”, ha aggiunto Obama, parlando di fronte a 120 capi di stato e di governo.

”La sfida che ci troviamo di fronte consiste nella nostra capacità di affrontarla” ha affermato, ribadendo gli impegni che gli Stati Uniti sono disposti a prendere, ”nel quadro di un accordo generale” annunciati ieri dal segretario di stato, Hillary Clinton. Gli Stati Uniti, ha aggiunto, ridurranno le emissioni dei gas a effetto serra ”indipendentemente da ciò che accade a Copenhagen”.

Dopo trattative durate tutte la notte a Copenhagen questa mattina si respirava un’aria di ottimismo in vista dell’accordo. Ma il presidente Nicolas Sarkozy … continua

tags , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

COP15: rischi reali di fallimento. Atteso l’arrivo di Obama.

December 17th, 2009 by Diego in Clima, Sviluppo sostenibile

Il negoziatore capo cinese si oppone alla bozza di accordo danese: “Questo è un processo a guida multipla, quindi una bozza danese senza consultazioni preliminari mette in pericolo un successo del vertice, che può concludersi con un buon risultato solo con la partecipazione di tutte le parti”.

Il testo danese è definito dall’agenzia stampa Xinhua “senza valore e distruttiva”. La posizione cinese, viene sottolineato, è sostenuta da Brasile, India, Sudafrica e altri Paesi in Via di Sviluppo.

Oggi arriverà a Copenhagen anche il primo ministro Wen Jiabao, che assumerà la guida della delegazione di Pechino.

Intanto fonti della delegazione danese hanno riferito ai media locali che tutti i tentativi di raggiungere un compromesso sono falliti.

La Danimarca, paese organizzatore della conferenza internazionale sul clima di Copenhagen, avrebbe infatti rinunciato alla possibilità di raggiungere un accordo finale. … continua

tags , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento
logo ok prezzi Vuoi ricevere ogni giorno le notizie sull'ambiente di Ok-Ambiente.com?
Iscriviti al nuovo servizio di NewsLetter!

http://www.wikio.it
logo ok prezzi

Cerca su Okprezzi.it

il sito di comparazione prezzi
La tua pubblicità su Ok-Ambiente.com!

Credits

Powered by
+++Nafta-Net+++

Sponsored by
OkPrezzi.it and BlogoBurn.com

Designed by
m-mstudio.com