immagine lusso

Il sito attento alla natura

"Lega un albero di fico nel modo in cui dovrebbe crescere, e quando sarai vecchio potrai sederti alla sua ombra." Charles Dickens

Registrati o effettua il log-in

Sviluppo sostenibile

Chicchi di sole: l’asilo passivo nasce in Toscana

October 4th, 2012 by Sara in Casa ecologica, Energie rinnovabili, Sviluppo sostenibile

“Chicchi di Sole” è uno dei primi asili in Italia ad avere ottenuto la classificazione energetica di “edificio passivo”, ovvero autosufficiente e assolutamente eco-sostenibile.

Inaugurato a Gaiole in Chianti, in provincia di Siena, l’asilo è stato progettato secondo i canoni della bioedilizia ed accoglierà, in quattro aule, 120 bambini dai 3 ai 6 anni.

Include spazi collettivi realizzati in legno, una mensa, una cucina centralizzata per tutte le scuole del comune (in grado di produrre fino a 250 pasti al giorno) e aree verdi esterne, per una superficie complessiva di circa 9500 metri quadri.
Ha un fabbisogno di calore pari a 13,68 Kwh/mq  l’anno e di energia per usi termici pari a 9,23 Kwh/mq l’anno, che in totale corrispondono a 9,8 tonnellate di petrolio all’anno risparmiate.

L’architetto che ha progettato l’istituto, Marco Vannocci, spiega che la scuola è stata realizzata completamente in legno per un maggiore risparmio energetico e con caratteristiche progettuali tali da consentire il collocamento dell’edificio nella categoria “edificio passivo”, ossia con un fabbisogno energetico annuale inferiore a a 15 KWh/mq. … continua

tags , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

E’ in arrivo AirPod, l’auto ad aria compressa

June 7th, 2012 by Sara in Novità, Sviluppo sostenibile

La microcar AiRPod ad aria compressa sarà sul mercato dalla metà del prossimo anno al prezzo di 7mila euro: farà 100 km con 1 euro.

immagine dell'auto ad aria compressa

La società francese Motor Development International (MDI) di Guy Nègre ha stretto, nel 2007, un accordo con il colosso Tata Motors, costruttore indiano, per produrre questo tipo di vetture.

Il primo modello che debutterà sul mercato sarà un quadriciclo leggero, seguito poi da una gamma di altri modelli in grado di soddisfare le esigenze di ogni tipo di cliente.

La caratteristica comune a tutti i modelli? Ovviamente, l’avere nel serbatoio solo aria compressa.

La AirPod è dotata di un motore che sfrutta l’aria compressa immagazzinata in una bombola che si trova a bordo e che permette la propulsione. La microcar eroga una potenza di 7 kW, che consente una velocità massima di 80 km/h e ha una curva di coppia piatta di 45 Nm. … continua

tags , ,

Vedi i commenti (1 commento) - Scrivi un commento

Rubinetto o potabile? a Pesaro Acqua Buona apre il dibattito.

December 30th, 2010 by in Sviluppo sostenibile

Pesaro si fa protagonista attiva nel dibattito sull’acqua da bere, un tema di rilevanza nazionale oggi al centro dell’interesse pubblico, per la sua portata in termini non solo di salute ma anche economici e sociali.

Alla sempre più viva attenzione da parte dei cittadini, si è aggiunta di recente la spinta innovatrice di un’impresa che ha realizzato una sintesi efficace tra salute, responsabilità e rispetto per l’ambiente.

Acqua Buona è un nuovo sistema di purificatori per l’acqua ideato per contribuire a uno stile di vita sano e consapevole.

Nato da un’idea di Franco Traversi, titolare della storica azienda pesarese L’Arredo che comprende il marchio Mobilya, il progetto ha dato vita a una vera e propria spin-off, la Green Building Srl.

La crescente importanza della qualità e della provenienza dell’acqua che beviamo ha portato sotto i riflettori le due principali modalità di consumo, l’acqua di rubinetto e l’acqua minerale in bottiglia, che tuttavia presentano evidenti criticità sul piano sia … continua

tags , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Catering equo-bio in Toscana: per lasciare un’impronta ecologica leggera, quasi impalpabile…

November 15th, 2010 by Elisa in Sviluppo sostenibile

Cene professionali, matrimoni, ricevimenti: quando il numero degli invitati è alto, si ricorre al catering. Ma come conciliare la buona tavola con la salute e il rispetto dell’ambiente? Scegliendo un servizio di catering biologico (meglio se a Km zero) o equo-solidale.

Ecco alcune eccellenti offerte per chi vive in Toscana:

L’associazione no-profit “Villaggio dei Popoli” di Firenze offre un servizio professionale di catering per qualsiasi occasione ed evento: dal semplice coffee break all’aperitivo fino all’organizzazione di buffet e cerimonie varie.

Nei catering si utilizzano largamente prodotti del commercio equo e solidale ed ingredienti biologici (o da catene commerciali con finalità etiche).

Viene rispettato il principio del risparmio energetico e di materie prime e si usano preferibilmente prodotti di stagione e locali, senza packaging complessi per evitare l’accumulo di rifiuti.

Per il servizio non si utilizzano prodotti “usa e getta” in plastica, ma vetro, ceramica, terracotta o bicchieri e piatti in materiali totalmente biodegradabili.

Anche la cooperativa “Zenzero” di Firenze propone un catering equo-bio di alta qualità ed elevato contenuto etico. Utilizza prodotti il più possibile del commercio equo e solidale e/o da agricoltura biologica/biodinamica certificata e si rifornisce direttamente da piccole realtà locali.

Gli allestimenti, semplici e naturali, sono realizzati con piante aromatiche e/o piante fiorite; la differenziazione dei rifiuti è scrupolosa durante tutto il processo produttivo e vengono utilizzate stoviglie lavabili come bicchieri di vetro, piatti e vassoi in ceramica, posate in acciaio.

Il trasporto dei cibi avviene grazie ad automezzi a basse emissioni alimentati a metano, ed infine per la fornitura dell’energia elettrica sono stati stipulati contratti con aziende che utilizzano fonti energetiche rinnovabili.

All’interno dell’associazione “Il chiodo fisso” di Perignano (Pi) un piccolo gruppo di volontari si dedica all’arte della cucina: mischiando sapientemente le ricette del sud del mondo con musica e immagini a tema, prendono vita serate ricche di gusto e di buona compagnia. Organizzano: cene a tema per raccogliere fondi, buffet per convegni e incontri pubblici, serate di animazione.

A Poggibonsi, in Valdelsa, l’”Associazione Città Equa e Solidale” propone un catering equo e bio. Come nei casi precedenti, vengono utilizzati il più possibile ingredienti genuini provenienti dalle filiere etiche del commercio equo e solidale e da aziende agricole biologiche e biodinamiche, ove possibile a km zero. L’allestimento creato è sobrio, curato ed amichevole, le stoviglie sono lavabili o biodegradabili, l’acqua rigorosamente del rubinetto!

Terra Etrusca“, situata nel comune di Capalbio (Gr), è tra le prime aziende toscane per innovazione e sostenibilità ambientale. Comprende un agriturismo, un’osteria, un allevamento di vacche e cavalli ed una azienda agricola. Offre il servizio di catering per pranzi e cene in case private o all’aperto, per feste ed eventi, naturalmente proponendo piatti e sapori del territorio toscano.

Insomma, c’è l’imbarazzo della scelta. La nuova tendenza, lanciata ultimamente dai divi di Hollywood (Leo Di Caprio, Stella McCartney…) ma da anni scritta nel cuore di tanti ambientalisti ed amanti della natura, è quella di “virare al verde”. Quindi, iniziamo ad organizzare le feste e i ricevimenti in modo da lasciare un’impronta ecologica leggera, impercettibile…

tags , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Autoproduzione: alcuni siti internet per divertirsi, risparmiare e creare.

November 15th, 2010 by Elisa in Salute e benessere, Sviluppo sostenibile

L’autoproduzione è un lavoro non retribuito che permette ugualmente di soddisfare i nostri bisogni, in modo spesso divertente. Vediamo alcuni siti e blog in cui vengono mostrate idee per creare e costruire.

Balconi trasformati in orti; marmellate, pane e yogurt fatti in casa; detersivi casalinghi a base di aceto, bicarbonato ed oli essenziali: sono solo alcuni dei fantasiosi esempi di autoproduzione di beni altrimenti comprati spendendo denaro.

L’autoproduzione è un costume “ritrovato” che esalta il valore del risparmio, della creatività, del rispetto dell’ambiente.

L’autoproduzione può essere inoltre un prezioso laboratorio scientifico, ci insegna infatti: l’origine dei profumi attraverso gli oli essenziali, i principi della medicina preventiva attraverso le piante selvatiche, la chimica attraverso la lievitazione naturale, etc…

Molti sono i siti internet e i blog che si occupano del tema dell’autoproduzione. Vediamone alcuni molto carini: premetto però che basta navigare un po’ per trovare decine … continua

tags , , , , , , , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Raccolta differenziata: l’importanza di informazioni chiare.

November 10th, 2010 by Niccolò in Ecologia dell'ambiente, Sviluppo sostenibile, Terra

In un momento molto delicato per l’Italia, in cui una delle sue città simbolo, ossia Napoli, versa ancora in condizioni pessime sul versante immondizia, Astra Ricerca ha condotto delle analisi sulla differenziazione e riciclaggio dei rifiuti, da cui emerge un dato inconfutabile: la raccolta differenziata viene fatta male.

Alcuni ritengono sia uno sforzo sovrumano informarsi sulle diverse tipologie dei rifiuti per poi procedere ad un corretto smistamento, ma c’è da dire che accanto alla massiccia disinformazione v’è anche una confusione di fondo nelle indicazioni che vengono date.

Dunque, nel vetro va tutto ciò che è vetro, ma non va la ceramica: è necessario, così, identificare il pyrex, detto anche “vetro borosilicato”. Il pyrex non è normale vetro.

Le lampadine? No, non vanno nel vetro perché presentano il filamento di tungsteno.

E ancora, sulla plastica: flaconi di detersivo, bottiglie di bibita e di acqua vanno nel contenitore della plastica. Ma le posate, i piatti ed i bicchieri in normale plastica no! Le … continua

tags , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Vado a fare shopping… sostenibile!

November 10th, 2010 by Elisa in Curiosità, Sviluppo sostenibile

Volete fare uno shopping sostenibile? Se la risposta è sì, potrete trovare idee accattivanti nel sito “Green Fvg”. Sotto la voce “Shopping, eco-prodotti dall’Italia”, compaiono infatti varie categorie merceologiche contenenti schede di prodotti innovativi, di eccellente design, creati a partire da materiale riciclato.

Il sito greenfvg.it, nato nel novembre 2009, vuol essere portavoce della sostenibilità ambientale e del “buonessere” per la Regione Friuli Venezia Giulia attraverso la libera informazione del web.

Si tratta di una voce autonoma e indipendente che raccoglie le voci dei protagonisti regionali e nazionali delle buone pratiche ambientali.

Cliccando alla voce “Shopping, eco-prodotti dall’Italia”, si accede ad una lista di categorie merceologiche varie, che vanno dall’abbigliamento agli arredi, dai casalinghi ai trasporti.

I prodotti presentati, creati da aziende virtuose sparse in tutto il paese, sono caratterizzati da un alto valore ambientale e da un design unico.

Vediamo quelli che ci sono piaciuti di più (ma, credete, c’è davvero l’imbarazzo … continua

tags , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Magistep: le scarpine che si allungano.

November 8th, 2010 by Elisa in Curiosità, Sviluppo sostenibile

Magistep sono delle scarpette “magiche” per bambini che si possono allungare fino a due numeri facendo risparmiare denaro e preservando l’ambiente: si troveranno nei negozi nei prossimi mesi.

Il marchio “Magistep” è nato nel luglio del 2009 dalla sinergia tra Giacomo Regoli, titolare dell’omonimo calzaturificio artigianale e ideatore della scarpina allungabile, e la Polistamp System, società che opera nel settore degli isolamenti termici e nello stampaggio di materie plastiche e che ha sviluppato, perfezionato e prodotto le scarpe sino a deciderne l’industrializzazione.

L’innovazione sta nel fatto che le scarpine si allungano di quasi due numeri grazie ad un meccanismo di spinta inglobato all’interno della suola: basta infatti inserire una chiavetta (in dotazione) in un foro nel tallone della scarpina e attivare la vite a movimento continuo fino alle dimensioni necessarie. Le calzature coprono i numeri dal 20 al 31,5 accompagnando così il bambino dai primi passi sino ai primi anni di scuola.

Dal punto di vista estetico non si nota nessuna differenza dalle altre scarpe in commercio, con il vantaggio però di avere una scarpina sempre su misura che, oltretutto, … continua

tags , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Una resistenza casearia per schierarsi dalla parte dei piccoli pastori italiani.

November 8th, 2010 by Elisa in Produzione biologica, Sviluppo sostenibile

In tempo di crisi i primi a crollare sono i più deboli, i più “piccoli”. Oggi stanno vivendo questo dramma i pastori della Sardegna e delle montagne d’Abruzzo. Per aiutarli, un gruppo di acquisto nazionale organizzato da Slow Food propone a un prezzo equo i loro formaggi.

I pastori, che in questi anni hanno ammodernato gli ovili e costruito caseifici a norma contraendo mutui, protestano: il prezzo che ottengono per il loro latte, fermo al livello di trent’anni fa, non basta neppure a coprire i costi di produzione.

Le industrie trasformatrici non intendono pagare un centesimo di più, perché fanno fatica a vendere prodotti fatti con il latte di pecora o capra, e nello stesso tempo importano grandi quantità di latte dall’Est europeo che ha un prezzo bassissimo.

Il risultato di questa drammatica situazione è che in Sardegna i caci si accumulano invenduti nelle stagionature, l’esportazione è in affanno, il prezzo del latte ha raggiunto i minimi storici (65 centesimi al litro). In Abruzzo, invece, molti pastori, stanchi di ricorrere ai mutui e alle anticipazioni delle banche, iniziano a vendere … continua

tags , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento

Shiro Alga Carta: la carta ecologica fatta con le alghe della Laguna di Venezia.

November 8th, 2010 by Elisa in Acqua, Ecologia dell'ambiente, Sviluppo sostenibile

Oggi si fa un uso sempre più grande della carta. Per produrla servono energia e cellulosa, e questo spesso ai danni dell’ambiente e degli ecosistemi forestali. Per fortuna esistono in commercio carte ecologiche come “Shiro Alga Carta”, fatta con le alghe della laguna di Venezia e fibre FSC. Vediamo la sua storia e le sue caratteristiche peculiari.

Negli anni ’80 le acque della Laguna di Venezia hanno iniziato ad essere infestate da una quantità abnorme di alghe a causa dell’eccesso di nutrienti artificiali e del perdurare delle alte temperature estive: l’ecosistema acquatico era  minacciato dal fenomeno dell’eutrofizzazione e i vegetali in eccesso andavano raccolti e smaltiti prima della loro decomposizione.

Così nel 1989 il Magistrato alle Acque di Venezia, in collaborazione con il Consorzio Venezia Nuova e l’ENEA, iniziò la raccolta delle alghe per prevenire la deossigenazione della laguna. Essendo un materiale difficile da smaltire, si iniziarono ad esaminare varie possibilità per riciclarlo.

Una delle soluzioni, sponsorizzata dall’Unione Europea ed inserita nel progetto LIFE, fu quella di utilizzare le alghe nella fabbricazione della carta, in parziale sostituzione della cellulosa (derivata dall’abbattimento di alberi!) e di altri materiali. Nel 1993 venne creato … continua

tags , , , , , , , , , , ,

Vedi i commenti (Nessun commento) - Scrivi un commento
logo ok prezzi Vuoi ricevere ogni giorno le notizie sull'ambiente di Ok-Ambiente.com?
Iscriviti al nuovo servizio di NewsLetter!

http://www.wikio.it
logo ok prezzi

Cerca su Okprezzi.it

il sito di comparazione prezzi
La tua pubblicità su Ok-Ambiente.com!

Credits

Powered by
+++Nafta-Net+++

Sponsored by
OkPrezzi.it and BlogoBurn.com

Designed by
m-mstudio.com